Dato che ho momentaneamente riaperto questo rispettabile sito a causa dell'emergenza sanitaria che mi inchioda in casa proprio come tutti voi, vorrei parlarvi di un mio nuovo idolo che ho conosciuto durante la mia assenza dal web.
Il suo nome è Salvatore Ganacci, ed è un dj che propone una musica che, per i miei gusti, è come all'anticristo per Padre Livio Fanzaga. a parte questo però, siamo davanti a un genio con un gusto e una passione per la demenzialità che mi ha colpito diretto al cuore.

Ma andiamo per gradi.

Salvatore Ganacci in realtà si chiama Emir Kobilić e nasce in Bosnia nel 1986, nel 2010 si trasferisce in Svezia per sfondare nel mondo della dance music, e ci riesce, tanto che la Svezia gli regala la cittadinanza. Il suo nome d'arte è già di per sé un capolavoro, perché gli è stato dato dai suoi amici che giocano a calcio con lui a causa del suo stile di gioco difensivo e dei suoi capelli lunghi molto in voga fra i calciatori italiani.

Stiamo parlando di un dj che riempie le platee dei festival più importanti del genere, come Tomorrowland, dove esordisce in tuta da ginnastica (non concepisce altro abbigliamento) e mette in scena siparietti stupidi sia sul palco che fuori.

Ma il motivo che me l'ha fatto apprezzare così tanto sono i suoi video, in particolare quello di Horse, che potete vedere qui sotto. Non vi do anticipazioni, guardatelo senza aspettative come ho fatto io:


Ganacci, il salvatore degli animalini, infierisce la giusta punizione agli umani cattivi, senza guardare in faccia a età, etnia, genere o tamarraggine di questa inverosimile famiglia svedese. Il regista di questo piccolo capolavoro è Vedran Rupic, autore di videoclip e spot televisivi sempre bellissimi per la Businness Club Royale. Dettagli come l'Alfa 164, che riuscì alla sua epoca a soddisfare tutti i bisogni irrealizzati dei papponi più esigenti, mi toccano il cuore, non posso farci niente.
Non sono l'unico a pensarla così, dato che su youtube si trova una versione lunga dieci ore.

Sulla sua pagina Facebook sono disponibili anche dei piccoli inserti di backstage dove si può ammirare la cura per i dettagli e l'utilizzo della computer grafica


Ma vogliamo parlare della clip di presentazione del suo tour 2019? Non serve, anche in questo caso bastano le immagini:


Il binomio Ganacci-Rupic non si è, per fortuna, limitato a questi lavori. Il successo quasi scontato del loro primo lavoro ha prodotto anche un secondo clip, uscito il giorno di San Valentino appena trascorso. Che ve lo dico a fare, siamo di fronte ad una nuova vetta altissima:



Prendi una vecchia Yamaha FZR 600 di metà anni '90, pagala meno di un account su Pornhub in Italia durante l'emergenza Covid, rivestila di finta pelle umana, mettici sopra mezzo Ganacci e preparati a commuovere il mondo.


Vi lascio qui di seguito i link ai suoi profili Facebook, Instagram, e Youtube, vi consiglio di seguirlo perché spesso ci sono perle come quella qui sotto, dove imparerete che sui jet privati non è consentito portare sacchi di cipolle:







Un post condiviso da Salvatore Ganacci (@salvatoreganacci) in data:








Può interessarti anche: