Grazie all'estremo rompimento di coglioni della quarantena ho deciso di rispolverare una vecchia rubrica di Darwinite, i menù tradotti alla cazzo. 
Ho scelto questa per due motivi, perché è sempre bellissimo sedersi a tavola e leggere fra le proposte della carta cose come il sangue peloso, e perché di questi tempi, con la voglia di uscire che c'è, ci si accontenterebbe anche di mangiarlo davvero, il sangue peloso.






















Può interessarti anche: