Il Cheese-Rolling, lo sport dove si insegue una forma di cacio giù per un dirupo

È uno sport, annoverabile fra quelli estremi, che viene praticato in un preciso periodo dell'anno in Inghilterra, nel Gloucerterhire, per la precisione sulla collina di Cooper. Le regole sono semplici ed efficaci, una forma di cacio Double Gloucester dal peso che si aggira intorno ai 4 kg viene buttata giù da un dirupo e un gruppo di persone la insegue. Le pendenze sono nell'ordine del vergognoso, e il risultato è questo, sonorizzato con le note dell'Ave Maria che mai furono meglio utilizate:



La gara si svolgeva il primo lunedì di Pentecoste, per poi essere spostata in concomitanza con la festa della primavera. Le origini, come spesso succede con queste cose, sono abbastanza frastagliate. La più accreditata riporta una competizione nata per mantenersi i diritti sui pascoli. Come tutte le belle tradizioni si è tramandata nei secoli fino ad arrivare ai giorni nostri, dove grazie alla diffusione delle informazioni è diventata famosa in tutto il mondo, tanto da vantare adesso vincitori internazionali dall'Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Nel video qui sotto potete vedere, oltre al delirio della gara, un po' di concorrenti da vicino. Giusto per capire lo spirito della competizione e la fauna presente.



Il formaggio da contendersi viene comprato con delle collette fatte dai parrocchiani del paese e fornito dallo stesso caseificio ormai dal 1988. Una volta un ispettore di polizia ha avvertito la titolare del caseificio, Diane Ross, che potrebbe essere ritenuta responsabile degli infortuni occorsi durante la competizione, come se la serie A incolpasse i bambini vietnamiti che cuciono i palloni per gli infortuni dei calciatori.
Perché come è intuibile di infortuni ce ne sono a bizzeffe, un anno le gare furono addirittura dimezzate a causa dei 33 feriti dell'anno precedente. Qualche anno dopo, invece, ne hanno aggiunta una in più a causa della troppa concorrenza straniera. Adesso sono 5, suddivise fra maschili e femminili.

È il momento di un altro filmato, questa volta gli highlights dell'edizione appena conclusa. Più la qualità video aumenta negli anni e più le musate dei concorrenti sono godibili, soprattutto sul finale c'è uno con una maglia rossa che credo sbatta la testa per terra almeno otto volte consecutive.



Inutile dire che il dispiegamento di ambulanze per la manifestazione è cospicuo e garantito dall'organizzazione locale dei soccorsi, in aggiunta a questi viene schierata la squadra locale di rugby all'arrivo, per placcare i partecipanti e fare in modo che non finiscano addosso alle vicine case.
Anche questa, come tutte le discipline sportive, ha i suoi fuoriclasse. Il Joey Dunlop del Cheeserolling è un Chris Anderson, che l'ha vinta ben 22 volte, seguito da Stephen Gyde a 20, Steven Brain a 18 e poi altri più staccati. Anderson è ancora in attività, degli altri non si sa niente, nemmeno se siano in piedi sulle loro gambe o su una sedia a rotelle.

Questa che vedete qui sotto è un'immagine che rende merito alla pendenza della discesa, perché lo schiacciamento della telecamera, qui come nello sci e in qualsiasi altro pendio, non rende mai la reale idea della pendenza effettiva.


La discesa non è nemmeno visibile da quanto è ripida. Il formaggio raggiunge anche i 110 km/h e buttarsi giù a rincorrerlo è un gesto che solo pochi ubriachi al mondo riescono a compiere. 
Qui di seguito invece potete vedere il cerimoniere, sicuramente uno dei tanti nella storia della gara, che col suo stile e portamento ci fa capire che il livello è stratosferico fin da prima di cominciare. In mano tiene il cacio, che viene addobbato con quelle strisce colorate per qualche motivo che non so spiegarvi.


Vi è venuta voglia di partecipare? Per quest'anno ormai è tardi, ma sul sito ufficiale potete avere tutte le informazioni per la gara del 2019 e vedere anche un bel po' di foto delle edizioni passate. È stato esportato anche in Italia, ma ai concorrenti fanno portare il casco e solo questo declassa l'evento nella categoria "signorine".


Ah, dimenticavo, la forma di cacio utilizzata è anche il premio del vincitore. Ciao, a presto, grazie per la vostra attenzione e grazie a questi meravigliosi sportivi che per divertirsi non inseguono nessun sogno, ma solo del formaggio, e una volta all'anno schiodano il gomito dal bancone per regalarci queste incredibili gesta.

Il montaggio russo del video di Killdozer dei Dopethrone

I Dopethrone sono una band metal canadese che solitamente una testi che parlano di droga, squallore e omicidi (non avevo idea di chi fossero fino a poco fa, sono andato a cercare).
Il video ufficiale del loro pezzo Killdozer è fatto con spezzoni di video trovati in rete che vanno da bulldozer che buttano giù case (le tanto amate RUSPEEEE!!! si Salviny) a inseguimenti della polizia, e video di gente palesemente in botta da droghe.
Qualcuno ha rimontato lo stesso pezzo nello stesso modo, usando però solo filmati russi, e non devo certo stare qui a dirvi quanto tutto abbia raggiunto un livello superiore.
Qui di seguito entrambe le versioni:

Originale


Russa:


Segnalato da Randolph.