È di questi giorni la polemica sulle affermazioni antivacciniste di Beppe Grillo. Il video che ho pubblicato è di uno spettacolo del 1998, dove già le sue intenzioni erano ben chiare:

"se arriva il virus sono protetto ma se non arriva intanto ho un po' di mercurio in circolo".

Questa non è l'unica volta in cui il Dottor Grillo si è pronunciato contro la medicina, basti ricordare le sue teorie sull'aids che non esiste. Allora come adesso queste teorie trovano spazio sui suoi media. Come sempre quando si affronta l'argomento arriva qualcuno che si crede più furbo di tutti e a suon di "io non sono (inserire categoria a caso) ma" porta avanti tutte quelle teorie prive di fondamento ma vere a priori perché dicono il contrario "di quello che ci vogliono far credere".

A niente serve serve far notare che Comilva, Assis e compagnia cantante sono da tempo nelle black list dei siti di bufale, come non serve dire che gente come Gava, il dottore ascoltato per la sentenza di risarcimento all'autismo causato dai vaccini sia in realtà un ciarlatano che ritratta le sue posizioni quando si trova il cazzo troppo vicino al culo, perché qualunque cosa a questo punto si risolve nel sempre classico "i poteri forti e le case farmaceutiche ci vogliono malati", per quello Gava è stato radiato dall'ordine dei medici.
Come se nel mondo mancassero le malattie da curare, come se l'omeopatia te la vendesse la nonna del tuo compagno di banco delle elementari che ha 90 anni e non è mai andata dal dottore.
Lo stesso vale per Montanari, farmacista marito della dottoressa del servizio di Report (che è Beppe Grillo che non sputa quando parla) sui danni del vaccino per il papilloma virus.
Niente può smentire queste teorie, perché sempre più siamo schiavi del bias di conferma. Nessuno farà mai un passo indietro, è più importante rimanere sulle proprie posizioni piuttosto che confrontare due cose e rendersi conto che la medicina non è una scienza esatta e non basta un caso per scriverla.
A questa gente non frega un cazzo nemmeno di esaminare la cosa dal punti di vista più semplice, il rapporto rischio/beneficio. Chiunque può essere in grado di farlo, basta vedere le percentuali. L'efficacia dei vaccini rasenta il 100%, è scritto, è provato dalla nostra cazzo di vita di tutti i giorni, dove anche uno stronzo che non si vaccina, perché non saranno certo le case farmaceutiche ad averlo, può stare al sicuro grazie a noi, che siamo sani grazie ai vaccini. C'è un limite però oltre il quale non si può scendere, e non ho nessuna intenzione di superarlo e correre dei rischi per colpa di chi non sa e non vuole fare uno più uno.
Per non parlare delle correlazioni fra autismo e vaccini, che ha la stessa valenza di correlare le seghe alla sordità perché esistono i sordi.

Sono tutte cose talmente elementari che cadono le braccia a doverle spiegare ma come vi dicevo, ogni volta che si va sull'argomento arriva qualcuno che ti vuole spiegare quanto il punto di vista di ciarlatani e perfetti sconosciuti sia fondato. Questa volta è arrivato Nicola Cereser e, per la prima volta, ho deciso di lasciare il flame che ha generato a futura memoria.

Buona lettura, ci vediamo in fondo per le conclusioni:


















Qui chiudo il discorso con lo stesso accorato vaffanculo con il quale l'ho cominciato ma il flame sta continuando anche oltre il dovuto come sempre succede in questi casi. È difficile smettere di trattare male questa gente ed è impossibile che la smettano di blaterare dal piedistallo sul quale salgono ogni volta. Potrei bannarli ma non lo faccio quasi mai, perché spero (anche se la speranza è un sentimento spietato (cit.)), che possano servire da bandiera contro loro stessi.

È inutile, lo so, perché è come dire al muro, la presunzione li attanaglia e qualsiasi spiegazione, pacata o incazzata che sia, non ha nessun esito.

E questa gente è un problema, lo è per il paese.

Non sono in grado di prendere decisioni così importanti perché mettono a rischio la salute di chi li circonda, però lo fanno. Sono un po' come la Chiesa che si prende la briga di ostacolare la vita anche di chi non segue le sue linee guida. Ci sono voluti decenni per tirare fuori una legge sulle unioni civili a metà, che fa schifo al cazzo. Almeno loro però sono un'organizzazione politica, hanno una strategia, sono un nemico contro il qual si può pianificare un attacco. Gli altri invece no, sono il classico piccione col quale giocare a scacchi, alla fine ti troverai solo della merda sul tavolo. Sono afflitti dalla stronzaggine e purtroppo, come diceva un tempo Abatantuono, è una malattia contro la quale non esiste vaccino.

Minuto 0:48



Edit:

Dopo due giorni ancora continuava a rompere il cazzo, ha avuto fin troppe occasioni per stare zitto, adesso è bannato. Nonè certo la morte di nessuno, anzi, solo che il flame completo non è più disponibile.

Può interessarti anche: