Avere un cazzo come un braccio di un bambino è già considerabile un traguardo importante, alcuni potrebbero anche cominciare a spaventarsi, figuriamoci quando arriva uno che ce l'ha come il braccio di un adolescente di robusta costituzione. Quello di Roberto Esquivel Cabrena, messicano di 52 anni, è così. Quarantotto centimetri di lunghezza per due chili circa di peso sono una misura da far impallidire qualsiasi altro recordman. Il suo cazzo è talmente grosso che gli rende impossibile la vita sotto molti aspetti, vive di espedienti ed è costretto, come si vede nelle foto, a tenerlo costantemente fasciato. Provate a immaginare cosa potrebbe provocare lo sfregamento costante coi vestiti e le gambe di un cotechino del genere e capirete. Perché a lui il cazzo gli arriva davvero sotto al ginocchio, non è un eufemismo.
Non potendo lavorare si arrangia come può, ma non vuole operarsi per ridurlo come gli è stato consigliato dai medici. Spera di entrare nel Guinness dei Primati come cazzo più grosso mai visto sulla terra, di andare in America per trovare una donna "della taglia giusta per lui" e buttarsi nel porno. Intanto percepisce un sussidio di invalidità dallo Stato messicano. In pratica il suo lavoro è prendersi cura del suo mostruoso pingone e portare pazienza. Anche perché è impossibile svuotare bene un cannone del genere, e le infiammazioni delle vie urinarie diventano cosa quotidiana.





Questa è una radiografia del randello, in pratica l'80% di quello che vedete è carne che è cresciuta intorno al suo arnese, che rimane all'interno e di dimensioni assolutamente normali.


C'è anche un breve documentario che racconta la sua storia, dove oltre a quello che ho scritto afferma di aver avuto problemi con la legge in America negli anni '90, perché sfoderò la mazza a due ragazzine che stavano aspettando l'autobus. Erano giovani, dice, ma sembravano più vecchie di lui.


Roberto, ti faccio i miei migliori auguri, ma con un precedente del genere non sono così convinto che gli americani ti riprendano tanto volentieri. 

Può interessarti anche: