Il Photoshop Request degli Equilibrium, band tedesca di Viking Metal

Gli Equilibrium sono una band metal tedesca, per la precisione Viking Metal, o Folk Metal. Questo dice Wikipedia, non chiedetemi altro perché non so un cazzo di questi generi.
La cosa per la quale si trovano su Darwinite è la richiesta di far comparire il martello di Thor in mano al batterista fatta ai loro fan di Facebook. Sicuramente sapevano cosa sarebbe successo, ma non per questo il risultato è meno interessante. Se si escludono i primi due, che hanno fatto i seri e li hanno accontentati, il resto hanno fatto il loro dovere. Giudicate voi:


















Segnalato da David.

L'Ave Maria di DJ Aniceto feat. Jessica Rizzo

Jessiza Rizzo (che ricordiamo con stima per l'eleganza dei suoi film) l'Ave Maria l'aveva già cantata diversi anni fa, e io l'avevo messa anche su Darwinite, ma poi il video scomparve improvvisamente da Youtube e non sono più riuscito a trovarlo. Oggi però grazie a Dj Aniceto, dj bacchettone noto alle masse per le sue propagande contro laddroga, possiamo di nuovo vederla alle prese con la preghiera, addirittura in versione dance.
La produzione è delle migliori, tutto sembra girato in VHS dalla più scrausa delle tv regionali degli anni '90. Roba che sarebbe stata il pane di Mai Dire Tv.
Avanti, è il momento di gonfiarsi gli occhi, buona visione.




Un lavoro votato alle donne

Come esistono i gruppi dove si vendono cose, ne esistono altri che offrono i lavori. Paolo cerca lavoro come tuttofare per donna ma la cosa risulta fraintendibile per alcuni. 



Tutti sempre a pensare male, e invece lui è disponibili per donne bisognose di omissioni.


Segnalato da Elena
Unire il dilettevole al dilettevole

Anche perché rompeva troppo il cazzo quando il palloncino gli è volato via, e in questo modo la faccenda si sarebbe conclusa qualunque fosse stata la lunghezza della traiettoria del pargolo.


Segnalato da Annaclara

I peggiori tatuaggi photoshoppati sulle foto originali

Avete presente le foto con le facce scambiate che fanno morire dal ridere? Ecco, se la stessa cosa la fate con alcuni tatuaggi, di quelli che stenti a credere possano esistere, la cosa non fa più ridere. Perlomeno non allo stesso modo.






























Tutta roba di Boredpanda.

Il pesto alla genovese fatto con una mano sola del Maestro Andrea Fonti

La mia speranza che il Maestro si rimettesse ai fornelli dopo la ricetta delle deliziose crepes di qualche tempo fa si è avverata. Questa volta però non parliamo di dolci, ma di uno dei condimenti più famosi della cucina italiana: il pesto alla genovese. Lo cucina in due modi diversi, col mortaio e col frullatore, e per entrambi vale la regola della mano sola. L'altra gli serve per tenere il telefono e riprendere.
Il primo dei due video pubblicati è stato quello col mortaio. Pochi minuti per illustrare gli ingredienti e poi via al massacro. i colpi si susseguono ritmici, alternati a manate di ingredienti che periodicamente fermano i colpi, posti sempre verticalmente verso il centro esatto dello strumento. Per una buona parte del video viene inquadrata una busta di petto di tacchino già affettato della Conad, che per qualche motivo si trovava sula tavola. Sono i compromessi inevitabili quando si percorrono certe scelte tecniche. Niente cavalletto, tutto girato a mano. La conseguenza è il petto di tacchino della Conad. La stessa spiegazione è riconducibile all'audio che a volte sembra preso da sott'acqua.
Quello che conta però è sempre il risultato, che è perfetto per poi essere messo nel congelatore come tutto il pesto alla genovese di questo mondo.



Per quello fatto col frullatore la modalità è più o meno la stessa, solo che la realizzazione è molto più veloce e il filmato dura più o meno la metà. Manca anche il petto di tacchino della Conad, e sulla tavola si vedono fin dall'inizio i postumi del disastro lasciato dalla procedura del mortaio. Dalla voce sul finale, che chiude con l'ormai classico "e 'gnente ci vediamo alla prossima" del Maestro, percepiamo una certa soddisfazione per il risultato.