Fontanesi: indubbiamente il miglior instagram di sempre

Non ho Instagram, non ho il tempo materiale per stare dietro anche a quello, ma Fontanesi mi ha fatto venire voglia di aprirlo. Quello che fa è semplice e geniale come tutte le cose bellissime, in pratica accoppia due foto (che possono essere diverse o sempre la stessa), usando i layout preimpostati dell'applicazione. Quello che ne esce sono i capolavori che potete vedere qui sotto:


Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Una foto pubblicata da @fontanesi in data:

Adesso correte a seguirlo sul suo profilo Instagram. Quello che avete visto qui è solo la punta dell'iceberg.
L'Eretica, un film di Armando De Ossorio

È un film che non ho visto, ma che dovrò assolutamente reperire dopo aver scoperto questa scena memorabile su Youtube. Si tratta di uno dei tanti film di bambine indemoniate usciti dopo l'Esorcista di Friedkin, solo che questa prende in contropiede il prete in un modo decisamente particolare.


Mark Gormley e i suoi meravigliosi video col green screen

Mark è un musicista rock che negli anni '70 componeva canzoni per sola voce e chitarra, ma non riuscendo mai ad ottenere contratti discografici si arruolò in marina e lasciò perdere tutto. Verso la fine degli anni '80 tornò in sala di registrazione per dei nuovi pezzi, ma i tempi non erano ancora maturi, dovette infatti aspettare altri 20 anni per raggiungere la meritata celebrità. Nel 2006 infatti Phill Thomas Katt, un dj di una radio locale in Florida girò per lui un video affidandosi completamente al green screen, questo fu poi caricato sul canale youtube The Uncharted Zone, e dopo un paio d'anni il mondo si accorse di lui. Da quel momento i suoi video si sono moltiplicati, tutti girati dallo stesso regista, che li introduce anche brevemente con fare ironico. e stato anche insignito di un premio dal canale stesso, essendo il primo autore della scuderia a superare il milione di visualizzazioni. 






Wrestling a tradimento


La bionda se ne ricorderà, e sicuramente adesso lo odierà più di prima. Sia il wrestling che lui.

Il gatto che guarda i film horror

A un certo punto gli prende bene e si mette comodo, ma poi, sull'urlo lancinante di un'attrice non ce la fa.


Aggiornamento:

Probabilmente l'audio dell'horror è montato sopra al video del gatto che segue qualche cazzo di gioco per gatti con lo sguardo. A me piace comunque, anzi, dal punto di vista di chi l'ha fatto è geniale.
Discrezione


Che problema c'è se ti piacciono i dinosauri?
Meme, prese per il culo e varie assurdità sulla Brexit

Premettendo che, appunto, si tratta di referendum consultivo e che quindi dovrà essere approvato dal parlamento, gli inglesi hanno votato per la Brexit.
A volte sembra di avere in casa tutti gli stupidi del mondo, e invece non è così. È l'unica magra consolazione che riesco a trovare su questa faccenda, insieme al fatto che almeno da noi (purtroppo per Salvini e tutto il suo esercito di inveterati), i referendum su trattati internazionali non si possono fare, li vieta la costituzione, altrimenti sarebbero lacrime di coccodrillo esattamente come sta succedendo adesso nella Perfida Albione, dove gente con 15 anni di aspettativa di vita ha tolto ai loro figli e nipoti opportunità sacrosante, come decidere di studiare o vivere in un altro paese senza troppi sforzi economici e burocratici.
Internet in tutto questo sta giocando la sua parte, e se oltremanica si va a cercare di capire cosa è l'Unione Europea dopo aver cacato nei seggi, in Italia il buon Peppe rivede le sue opinioni e aggiusta i vecchi post dove inneggiava all'uscita, ma la cache di Google non perdona.
In mezzo a tutto questo ci sono anche una marea di meme e prese per il culo, perché infierire è sacrosanto, anche se stiamo parlando di avvenimenti storici così importanti da far intravedere all'orizzonte possibili catastrofi. Ce lo insegnano per primi gli inglesi.





























C'è anche un video che spiega la Brexit in versione anime



C'è poi anche un'iniziativa nata su twitter che definire straziante è poco: i gatti che non vogliono uscire dall'Europa. La tendenza sembra essere partita dal tweet di un accademico inglese che ha postato la foto che vedete qui sotto:

Il deputato conservatore Daniel Hannan ha raccolto addirittura le opinioni del vero Grumpy Cat

Ma i tweet sono migliaia



Ovviamente poco dopo sono arrivati anche i cani.



Foto via: La Satira di Satana, Trash Bin, Baby George ti disprezza, Carlo Hebdo, La Startup di merda, il gruppo di IMDI, The Guardian e altro in giro che adesso non ricordo più. Segnalate per qualsiasi tag da aggiungere.