Se c'è una cosa che adoro è il playback di merda. Quello organizzato talmente a cazzo da lasciare a bocca aperta. Quello che nasce dalla certezza che il pubblico è talmente stupido che mai si accorgerà che gli strumenti non sono collegati all'impianto. Ecco, in base a questa consapevolezza, in questa trasmissione russa il chitarrista che si sta cimentando in un appassionante assolo di chitarra elettrica arriva ad imbracciare una chitarra acustica.


Inchiniamoci davanti a questo eroe del playback di merda

Può interessarti anche: