Anche quest'anno avevate paura che non arrivasse, e invece è arrivata. Così scoprirete che i pomodori piantati nei vasi sui terrazzi non è che non crescono perché era troppo freddo, ma perché l'ambiente in cui li fate vivere è ridicolo. È come se i vostri genitori vi avessero fatti crescere dentro a uno scatolone, col cazzo che sareste cresciuti bene. E poi la verdura per crescere ha bisogno di essere governata con la merda, è come aria per loro. A non dargliela succede come quando vi fate tirare dal cane mentre andate in bicicletta, quella povera bestia non potrà mai correre come se fosse da solo, però corre comunque, perché siete il suo padrone, E anche i pomodori crescono, ma crescono a cazzo, perché siete dei padroni di merda. Dategli un po' di pollina a quelle povere piante, e se non potete per via della vecchia del terrazzo accanto che s'incazza perché le si impuzzoliscono gli asciugamani di merda, e quando si asciuga il viso le viene da vomitare, allora la colpa della misera riuscita dei vostri pomodori è sua, e non dell'estate. Potete provare a dare la colpa a suo nipote, dicendole che scoreggia a spregio sugli asciugamani, ma se non funziona c'è poco altro da fare.
Comunque tranquilli, è arrivata a prescindere dalle vostre piante che non cresceranno comunque. E alla fine cosa cazzo ve ne frega se non crescono, siamo nella stagione più bella dell'anno, quella delle file per fuggire da quello che è stato acclamato all'inverosimile fino a che non è arrivato. E adesso che il caldo è qui cosa faccio? Vado a cercare di rifiatare lontano da casa. Il mare rimane sempre il preferito, una distesa di acqua di fronte a della sabbia o dei sassi dove fortunatamente tira quasi sempre un po' di vento. Giusto l'anno scorso parlavo di come la gente sia disposta a stare più in macchina che sulla spiaggia, pur di andarci. Ah, ma in macchina c'è l'aria condizionata, giusto. Quasi quasi la metto anche a casa, vado al centro commerciale a comprare un condizionatore che c'è la promozione, ci sarà un po' di fila, ma che vuoi che sia.
I parchi acquatici non li ho mai provati invece, quest'anno voglio andarci, è uno stare nell'acqua un po' diverso, ma dice sia ganzo. Una delle mamme dell'asilo mi ha detto che l'anno scorso c'è andata e si è divertita tanto anche se non son riusciti a fare tutti gli scivoli perché c'era troppa fila. La sera fra settimana invece, quando il tempo è troppo poco per impegnarlo nelle file in autostrada, è bello andare sulle colline, magari c'è qualche sagra dove fa abbastanza fresco da riuscire a mangiare un chilo di polenta col cinghiale senza dover chiamare la Misericordia. Perché va bene la caprese, ma ogni tanto ci vuole anche un po' di sostanza.

Lo volete capire che quello che vi piace è il fresco, e non l'estate?






































Può interessarti anche: