La preoccupante passione per le tombe del maestro Andrea Fonti

Il Maestro Andrea Fonti è stato il miglior youtuber italiano di sempre. Dico è stato perché se un tempo era un vero mago delle recensioni oggi ha svoltato del tutto interessandosi quasi esclusivamente di tombe, oscurando il suo passato di recensore di troiai da mangiare.
I suoi video diventarono celebri per la sua semplicità nello spiegare quello che assaggiava, gli tributai un post intero che oggi è orfano di almeno metà dei video, gli altri li ho sostituiti con video ricaricati da alcuni lungimiranti fan che avevano salvato le sue opere.
Ma chi avrebbe potuto immaginare questo rinnegare tutto il suo lavoro? Purtroppo però così è stato, e se all'inizio aveva dato qualche speranza rispondendo a un commento con un "li devo sistemare", oggi è chiaro che il suo indirizzo di youtuber è macabramente mutato.
Ha cambiato anche il nome del canale con un anonimo bender444 (è nota la sua passione per Futurama, riscontrabile nella recensione del cofanetto della seconda stagione), e si è buttato a capofitto nel feticismo delle tombe. Anche qui come nei precedenti video adotta un preciso format che consiste in una quindicina di secondi di filmato fuori fuoco e mosso che nemmeno avesse il Parkinson, tutto senza alcun commento. Non si capisce perché non faccia delle fotografie e le raccolga in un bell'album da qualche parte, ma lui è un genio e noi non è che possiamo pretendere di capire tutto quello che fa.
Ecco qui di seguito una piccola raccolta delle sue nuove opere:

La tomba di Enzo Tortora


La tomba di Enzo Jannacci


La tomba di Gaber



Salvatore Quasimodo


La tomba di Renzo Palmer. Chi è direte voi? È un famoso doppiatore italiano, e qui si apre una parentesi sulla passione del Maestro per il doppiaggio. Giusto ieri ha pubblicato una recensione del DVD del Mago di Oz di Flemming, dove si sofferma a spiegare che si tratta della versione con doppiaggio originale del '39, perché ne esistono tre versioni, ma quella buona è solo la prima. Purtroppo però ha già messo anche quel video privato e non potete più vederlo, potete però sentirlo criticare qui i cambi di doppiaggio nella recensione della seconda serie di Futurama.



Per finire la tomba di Padre Pio, San Pio per i fan. E pensare che nella recensione del Gatorade Lemon Ice (che potete trovare qui) non si dava pace per la piega che sta prendendo il mondo, dove l'inflazione sul Polti Lecoaspira galoppa al ritmo di cento euro all'anno e a Padre Pio hanno fatto una tomba tutta d'oro. "E troppo fa' 'na tomba d'oro a 'n santo, e gnente ci vediamo alla prossima".
Ma come Maestro, prima me la critichi e poi gli vai a fa' 'n filmino?


Scusi questo mio sfogo Maestro, non succederà più. Mi permetta di lasciare ai suoi fan che acclamano un suo ritorno alle recensioni questo tributo in suo onore, realizzato da qualche suo estimatore che vorrebbe diventare come lei, anche se è impossibile.


La prego Maestro, lasci perdere i morti e rimetta pubblici tutti i suoi video, gli italiani brancolano nel buio senza la sua guida, nessuno sa più dove dirigersi nell'infinito mare delle bibite gassate, la strada delle patatine fritte è piena di bivi nei quali è facilissimo perdersi, l'universo delle bevande energetiche è immenso e nessuno a parte lei può guidare l'astronave che ci porti dritti a quella giusta.
Ci ripensi

Firmato

L'Italia.

Gli imbarazzanti auguri di natale di Toys Center Italia

Ebbene sì, questo video di auguri natalizi non è quello della cartoleria sotto casa vostra che passa TeleBidone alle tre di pomeriggio prima delle repliche di Topazio, ma è il video ufficiale di auguri di Toys Center Italia, una fra le più grandi catene di negozi di giocattoli nazionali.
Cinque commessi ballano nel nel negozio e cantano in un inglese da ottantenni con in testa cappellini da Babbo Natale. Prima ballerina di questa coreografia è sicuramente la bionda, una locomotiva alimentata con massicce dosi di entusiasmo traina il treno dei colleghi in un teatrino improponibile. La qualità della coreografia è strettamente proporzionale a quella dell'inglese, compaiono anche dei selfie stick che fanno pensare sia stato girato interamente con dei cellulari. 


Ormai che la tecnologia è andata talmente avanti che oggi puoi farti in casa robe che qualche anno fa costavano milioni (cit.)



Vietato attraversare i binari


Se è scritto in tutto il mondo e in tutte le lingue c'è un motivo, non è che in Russia funziona diversamente. Ma vai a spiegarglielo.
Il Condom Challenge, l'evoluzione dell'Ice Bucket Challenge

C'era l'Ice Bucket Challenge, e mezzo mondo si è rovesciato in capo secchiate di acqua gelata facendosi anche del male, oggi c'è il Condom Challenge che consiste nel lasciar cadere in testa a qualcuno un preservativo pieno d'acqua, se la procedura viene eseguita correttamente avvolgerà la capoccia completamente creando una sacca di acqua sotto al mento.
Qui di sotto un video dimostrativo per imparare la giusta procedura:

   

CI sono già hashtag, profili Twitter e canali youtube che si stanno dedicando a pieno alla cosa, e le raccolte non mancano, ne ho scelta una della quale molto probabilmente vi romperete il cazzo prima di arrivare alla fine



Si, perché se almeno all'inizio la cosa può risultare buffa,  dopo un po' perde la sua carica di comicità, e il motivo fondamentalmente è uno solo: qui il rischio di farsi male è praticamente zero, e a meno che anche questa volta non ne nasca una raccolta fondi che prenda piede a tal punto da vedere Renzi infilare la testa in un preservativo difficilmente riuscirà a darci ulteriori soddisfazioni.


La mamma gli pulisce il bagno e trova una fica finta attaccata nella
doccia

Questo affare che vedete qui sotto non è un microfono per cantare sotto la doccia, ma una fica finta (o fleshlight, come si chiamano oggi) per farsi una sveltina solitaria mentre ci si lava. Ne esistono di tutti i tipi, compreso fedeli riproduzioni delle tope delle pornostar più famose (evito i link, tanto sto parlando dell'ovvio, siamo su internet e tutti sapete di che parlo), ma questa pare un oggetto abbastanza spartano. Comunque, spartana o meno, la mamma quando è andata per pulire il bagno ad uso esclusivo del figlio l'ha trovata, e non sapendo cosa fosse l'ha fotografata e l'ha sbattuta su Twitter chidendo delucidazioni. E direi che l'ha avute.


Segnalazione di Antonio, via Playboy.
La soletta della salute


Tiene i piedi caldi, assorbe l'umidità e ti senti libero, soprattutto in quei giorni.
The Lady 2 - la recensione della SECONDA puntata

La seconda puntata inizia con lo zarro che fantastica su Zora, bionda seminuda, vanno immagini di lei che si muove nel vento, lo zarro descrive a parole le molteplici qualità della su amata oltre all'essere una bella fica, poi si passa alla protagonista che fa un giro di telefonate (chi l'avrebbe mai detto) per cercare di ritrovare la borsetta che le ha rubato il suo migliore amico in discoteca. Veniamo a sapere che conteneva la chiave della cassetta di sicurezza di Miami. Cioè, questa va a ballare a Milano con la chiave di una cassetta di sicurezza di Miami nella borsa.
Il migliore amico nega come un Giuda qualsiasi cosa, allora chiama un ceffo che sicuramente le vende anche delladdroga per chiedere consiglio, lui conferma i suoi timori e il migliore amico diventa ufficialmente il figlio di troia.
La Lady chiama l'avvocato per verificare la situazione, lui fa una telefonata e scopre la dura realtà: la cassetta di Miami è vuota come la testa della sua cliente.
Intanto la segretaria parla di un casting con una checca sfranta che si dice molto contento del lavoro che andranno a svolgere


La Lady fa mente locale sull'accaduto e riflette sul da farsi con questa espressione spiritata qua


Poi è il turno di Maccio Capatonda che registra un altro videomessaggio. È ancora intenzionato a chiavarsela e sembra essersi scritto da solo alcuni passaggi del discorso. Afferma di essere ricco e possedere due mongolfiere, e conclude con un "chiamami, sono il tuo rimorchiato". Il fatto è che recita troppo bene per lo standard dell'opera, e risulta fuori luogo in questa follia che si snocciola senza senso dalla testa della Del Santo ormai da due anni.
Ma è già momento di casting, e nel palazzo della Lady sfila una rassegna di maruzzelli pronti per l'esame. Nell'attesa del direttore un tipo dell'organizzazione e un esaminando intrattengono una discussione:




Sfido chiunque a capire cosa dice quest'uomo alla fine del suo discorso.

Mentre i provini vanno avanti ecco apparire il lato oscuro che trama conto la lady capeggiato dalla bionda vestita di nero. È in questo momento che ritroviamo uno di quei personaggi della prima serie dei quali non si era capito l'utilità, trattasi del tipo che spiava la protagonista. L'abbiamo visto fin dalla prima puntata, era riapparso a caso per tutto il tempo ed oggi è qui a riportare quello che ha visto alla bionda vestita di nero. Ma soprattutto si chiama CICALE.
L'alternanza della storia ci riporta al casting, dove una provinata sudamericana parla del suo ragazzo con una Cougar di tutto rispetto. Ha scoperto che è passato all'altra sponda, l'ha trovato a letto con un uomo e adesso deve fare equitazione per sfogarsi. La Cougar invece va più sul classico:


I provini proseguono fino a far rimpiangere Non è la Rai, il direttore ci prova anche coi muri (maschi) ma ci rimbalza tutte le volte, i cattivi riflettono sulla cattiveria appoggiati a una colonna.

Fine.

Il pesciolino giallo che morde i capezzoli a tradimento

È un normalissimo pesciolino giallo del cazzo, carino, che si avvicina quando stai fermo nell'acqua e si fa riprendere dalle telecamere subacquee molto in voga di questi tempi. Non lo faresti in grado di spiccare un salto del genere col preciso intento di staccarsi un capezzolo. Per fortuna che non ha i denti.


La demolizione programmata del palazzone


Quel palazzone orribile finalmente verrà demolito, e lo faranno con gli esplosivi, uno spettacolo che raramente si ha occasione di vedere. Lei però non aveva fatto i conti col suo cane iper agitato di merda, e tutto è rimandato.
Bionde e termometri da culo


Col termometro in bocca come nei cartoni animati! Che carine! Peccato che prima che nelle loro bocche fossero stati messi in culo di chissà chi.
Il Pacciani sulla pelle, per sempre


Ebbene sì, dopo Zio Michele qualcuno si è tatuato anche il povero Pacciani Pietro, e la mano del tatuatore sembra più o meno la stessa. Che qualcuno si stia specializzando in tatuaggi di assassini?
Pregevole la bottiglia di vinaccio targata 1980.


Le trecce di capelli da ciucciare per i vostri bambini


È un'apoteosi del troiaio questo spot di Tim & Eric, duo di comici statunitensi famosi per il loro humour estremo. In pratica queste trecce vengono inzuppate in una specie di caramello, o salsa di merda, e poi viene ciucciato con gusto da bambini e genitori che sbroccano in un'estasi di sapore, sorridendo con i denti impastati di questa loia rivoltante. Da non sottovalutare la versione per maschi e l'inzuppatoio da passeggio.
Il Traktor Racing Volvo Terror, 160 cavalli di follia

Oggi parliamo di elaborazione di mezzi a motore e corse, mello specifico di trattori truccati. Ci son degli svedesi che hanno messo un motore Volvo turbo da 180 cavalli su un vecchio trattore, e adesso quando spalancano il gas lascia la gomma per terra come una muscle car del '70. Poi ci hanno anche fatto una corsa per trattori, ma non è andata tanto bene, comunque sia il verdetto è solo uno: EROI.




Qui sotto potete vedere la prima uscita dopo il cambio di motore, era ancora senza cofano e prometteva già benissimo.


Si è esibito addirittura all'Elmia, l'equivalente svedese del nostro Motorshow, solo un po' più triste.


Il pubblico non è proprio in delirio, ma la gente non capisce un cazzo, nessuno si esalta mai se sul mezzo non c'è qualcuno di famoso.
Ma per fortuna alle gare è un altro discorso. Si, perché ci sono gare per trattori truccati e come poteva non parteciparvi il Volvo Terror? Parte in mezzo ad altri due colleghi, e alla prima curva (che poi il circuito è un ovale) si toccano, come è logico che sia con quelle ruotone, e il nostro trattore preferito va a gallina. Viene trainato da una pala meccanica, completamente coperto di fango, fra gli applausi del non folto ma appassionato pubblico presente.


Esiste anche una pagina Facebook ufficiale, merita il supporto di tutti, anche se non viene aggiornata da più di un anno.


Un normale tamponamento in Russia


Con quello che ormai siamo abituati a vedere questo tamponamento è veramente uno scherzo, ma la Russia nella sua immensità ci riserva sempre sorprese, ed ecco che dalla macchina scende un prete che sembra un orso vestito da Fra Tuck. E meno male che è un prete e si limita a un gesto di disappunto, perché altrimenti ci sarebbero stati cazzi.


Basta scopare!


Sempre a scopare, non pensate ad altro. Ma vi è mai venuto in mente che farlo su un dirupo è pericoloso? Ecco, la prossima volta ci pensate.
Scrivere sui maiali


Lo so, i maiali sono bestie sulle quali c'è tanto da scrivere, ma in questo caso si tratta di scriverci fisicamente sopra, che non è cosa da tutti.
Russi? Forse, ma non ne sono certo.