Lo scopro solo adesso, e il mio passato non ha più un senso. Umberto Bossi nel 1961 ha provato a diventare un cantante con lo pseudonimo di DONATO. Aveva un complesso tutto suo e partecipò al festival di Castrocaro, ma fu segato in semifinale perché TROPPO TRISTE (oddio moio). Non contento incise anche un 45 giri, i due pezzi si chiamavano EBBRO e SCONFORTO, scritti insieme al direttore dell'orchestra che lo accompagnò al festival. I titoli delle canzoni aiutano a comprendere la decisione della giuria di metterlo all'uscio, ma il rimpianto per il suo insuccesso immenso. Pensate se fosse diventato un cantante famoso, ma non tanto nello slow rock, dove emergere in quegli anni era sicuramente difficile, andava bene anche nel liscio, dove adesso con una tastiera del cazzo son tutti musicisti. Al massimo ce lo ritroveremmo su Canale Italia a suonare in playback o su qualche nave da crociera piena di vecchi. Invece ha formato un partito. Gli è andata male nel mondo della musica E HA FONDATO LA LEGA NORD. 
Ai tempi che era ministro con Berlusconi l'Unità provò a fare una ricerca per vedere se esiste qualcosa di più di quel poco reperibile, ma niente, nemmeno una foto di lui sul palco, del disco poi sembrava non ci fosse traccia neanche fra i collezionisti.
Tutto quello che si trovava è questa immagine di lui che suona una chitarra elettrica seduto, con un'acconciatura tipo casco da bicicletta:


Ma successivamente sul Corriere uscì un articolo dove un musicista bresciano, Mirko Dettori, ne aveva trovata una copia in casa. Lo mise provocatoriamente in vendita a 250.000 euro su internet, ma la cosa importante è che adesso possiamo ascoltare la musica del Senatur, anche se in una breve sintesi di entrambi i pezzi (e ci fa capire che il giudizio dei giudici di Castrocaro sarebbe stato inevitabile anche se avessero potuto prevedere il futuro)


Sto provando un senso di tristezza mista a rimpianto come poche altre volte da quando gestisco Darwinite.

Può interessarti anche: