La cosa risale a un po' di tempo fa, un fan di Steve Jobs di padre italiano decise di tatuarsi il motto del guru di Cupertino in uno strano mix multietnico, traducendolo in onore del genitore. Ovviamente per la traduzione si è affidato a Google, generando l'ennesimo disastro indelebile sulla pelle DI ENTRAMBE LE BRACCIA.



Quindi, ricapitolando abbiamo quella che si è tatuata "tavolino da picnic" in cinese su un fianco, quella che si è scritta "cazzo cancro" su una spalla per solidarietà al cugino malato, quello che si è tatuato "biscotto" in un avambraccio e oggi si aggiunge l'amante dei soggiorni affamati e sciocchi.
Non vedo l'ora di trovarne un altro.

Può interessarti anche: