E stato durante una mio breve soggiorno in una nota località di villeggiatura del nord Italia che mi sono imbattuto in questo pregevole esempio di marketing fai-da-te. L'oggetto che vedete qui sotto non è un pollo arrotato e poi lasciato a incarognire ai lati di una strada, ma una pizza a forma di Formula 1 che si trovava all'ingresso di un ristorante dove, come è evidente, la passione per l'automobilismo la fa da padrona.


Dalla vista frontale possiamo ammirare la cura con la quale sono state realizzate le sospensioni, che si fondono insieme all'alettone anteriore. 


L'opera sembra essere esposta sotto al sole ormai da giorni, e alcune parti, tipo i copertoni, iniziano a spezzarsi a causa della decomposizione ormai in stato avanzato, evidenziando la stagnola utilizzata per la realizzazione dei cerchioni


Ma la parte che risente maggiormente dell'inesorabile decorso della putrefazione è l'alettone posteriore, ridotto a un cumulo informe di poltiglia.


Infine il pilota, che in mezzo a tutto questo sfacelo non può certo essere il ritratto della salute. A giudicare dal casco potrebbe essere appena uscito da una serie interminabile di cappottamenti con incendio finale dell'autovettura.


Viene voglia di mangiare eh? Purtroppo però questo capolavoro di estetica non si trovava nel menù.

Può interessarti anche: