Sembra che in Lombardia si siano riuniti i peggiori grafici del decennio, gente col cattivo gusto più spiccato accoppiato all'incapacità di rendersene conto ha prodotto, dopo i troiai dell'Expo, un'altra schifezza sbandierata con orgoglio.
Una sagoma della regione Lombardia che come per magia prende vita indossando degli occhiali alla Harry Potter e gli stivali del gatto delle sette leghe, che impugna (grazie a due moncherini) una cazzuola da muratore e una pergamena arrotolata che forse rappresenta il trombone che il disegnatore si è fumato prima di concepire questa schifezza. Come se non bastasse, il mostro al quale è stato dato vita cammina su un prato che assomiglia ai denti di una sega a nastro da falegname, con sullo sfondo i palazzi della laboriosa Milano,  capitale delle grafiche più oscene del mondo, oltre che dell'Expo.
Lombardia, voce del verbo lavorare alla cazzo di cane.

Può interessarti anche: