Non c'è la Red Bull a sponsorizzare questo ragazzo, che con il suo insano gesto si dimostra infinite volte più coraggioso di Felix Baumgarthner. Nove piani di caduta libera con atterraggio su un mucchio di neve, con l'aggiunta delle fiamme, che per quanto possano essere pericolose appaiono in questo filmato come una componente puramente scenica.
Che è un cazzone graziato dalla morte si vede da come si tuffa, riesce a malapena a concludere il volteggio che lo porta ad atterrare di schiena, probabilmente unico atterraggio che gli lascia qualche chanes di sopravvivenza.

Qui sotto la versione dal tetto, con la preparazione e il momento dell'incendio dei pantaloni, QUI invece il salto in prima persona, con la telecamera in testa.



Ancora una volta i russi ci insegnano che i limiti del corpo umano vanno ben oltre quelli immaginabili, che si tratti di filtrare alcolici, guidare una macchina o buttarsi da un palazzo, la prestazione di un uomo può superare la sua immaginazione, e la componente che ti permette di fare questo salto è una sola, e si chiama idiozia.
Ah, sembra che dopo sia stato arrestato.

Può interessarti anche: