La puntata ha inizio a Miami, dove un gavorro in incognito spia un tipo su una Porsche nei ritagli di tempo fra le cene con Brad Pitt e Angelina Jolie. In Italia intanto l'astinenza di Vitagliano sembra avere una fine, la Lady torna da lui, che la avvinghia dicendole che la vuole sempre vicino, lei precisa che odia gli uomini oppressivi, prima di buttarsi insieme a lui su un divano. Gliel'avrà data? Il verdetto rimane al giudizio dello spettatore.
Quindi quello che sembrerebbe essere l'uomo che stava sulla Porsche riceve una telefonata da un siciliano che gli dice di andare da lui a ritirare una borsa, la parte losca della storia prende campo. 
La Signora approfitta per fare un po' di attività fisica nella palestra più scrausa di Milano, il personal trainer pettinato come uno scatizzolamerda si offre di seguirla nei suoi viaggi d'affari e lei ci fa un pensierino, giusto per aumentare sempre di più il bacino di uomini che si segano dopo il suo passaggio. L'uomo con la borsa parla con qualcuno che gli intima di fare per bene, niente sbronze né donne fino al compimento della missione.
Vitagliano cena con la sua bella, che l'avverte che presto lo pianterà di nuovo per l'ennesimo viaggio, del quale però non può rivelare i particolari. Lui vuole sapere, ma lei non dice niente per il bene della loro relazione, allora si arrende, perché tanto, dice, loro risolvono tutto a letto. Si, caro Vitagliano, però devi portarcela, a letto. Lei lo guarda con uno sguardo che sembra dire "amico, ma hai una pallida idea di quante seghe dovrai farti se stai con me?"E si torna in America.
Un'altra destinazione si aggiunge all'infinito numero di località a caso segnate dai personaggi di quest'opera, l'uomo della Porsche se ne va a Los Angeles dopo aver depositato il contenuto della valigia (dove?), e in Italia arriva l'unica in grado di risollevare il ritmo sempre più blando di questo film: la bionda dalle puppe enormi, che insieme a un'amica va dal chirurgo plastico a farsi dare un'aggiustata.
Saluta il dottore (che in niente differisce dall'aspetto del reso dei cozzari che popolano la storia se non per il fatto di indossare una maglia) con un "Hi Divino!" e inizia un dialogo che è la pura filosofia della regista:

- Puppona "ho bissogno derrigenerarmi"

- Dottore "Ma fiore mio, sei un bocciolo"

- P "ma dai damme qualche vitamina, quaccossa!"

- D "hai la pelle più bella che abbia mai visto"

- P "si ma tutti hanno un chirurgo plastico, tutti abbiamo bissògno derritòchi"

- D "Giselle, ti adoro, SDRAIATI"

Quindi l'amica sottolinea il tutto con un bello spiegone:

"Giacomo, il mio fidanzato mi vuole al top, perché non migliorare se possibile?" 

- D "eh si cara, bisogna agire, sennò ti lasciano per una più giovane"

Le scuse per paralizzarsi il volto a suon di botulino ci sono tutte, quindi, AGIAMO.

Dopo la parentesi estetica l'occhio della telecamera torna a indagare sul businnes della Lady, che insieme a un consulente babbazzo parla di informazioni da occultare, poi è il momento delle considerazioni intimistiche del cazzo che ormai attanagliano la protagonista per qualche secondo ad ogni puntata. Un attimo a Miami per contemplare le figone che prendono il sole sulla spiaggia, e tocca di nuovo a Vitagliano, che in bagno, luogo dell'onanismo per antonomasia, ancora si cruccia con la sua bella che gli dice "ti ho tradito mentalmente", una vera e propria coltellata per ogni sano di mente. Ormai è chiaro che quando lui non c'è il suo corpo diventa un'autostrada per maruzzelli, e farebbe bene a bombarla il più possibile finché può, invece di fare il maschio alfa, altrimenti prima o poi il peso delle corna gli spezzerà il collo.
A Miami ci sono problemi con un portabagagli, intermezzo distensivo fra una scena e l'altra dove Vitagliano fa discorsi da uomo duro alla sua amata che continua a generalizzare con cose del tipo "tu non puoi impedirmi di essere me stessa". Questa volta sono sul letto, dopo questa affermazione lui la bacia su una guancia. Presto lei ripartirà per l'America e il futuro a breve termine del povero ex tronista si preannuncia di nuovo pieno di rasponi a due mani.



Non dimenticare di condividere con l'hashtag

#Loryabilitaicommenti 

Può interessarti anche: