All'Eurovision Song Contest di Copenhagen la cantante col cognome uguale al colore della merda è stata intervistata in inglese, che non conosce per un cazzo. E va bene, non è obbligatorio, ma dato che vai all'estero almeno portati un accompagnatore in grado di aiutarti. 



Diciamo che incarna perfettamente l'essenza dell'italiano all'estero.

Può interessarti anche: