La cantante dal cognome uguale al colore della merda è stata intervistata nuovamente, e purtroppo per lei più approfonditamente, dopo la sua performance all'Eurovision Song Contest di Copenhagen. Come si intuisce dal titolo, la figura fa fede al materiale del colore del suo cognome.
Ma la mia domanda rimane la sessa di qualche giorno fa: Chi è quel minchione che l'accompagna a un evento internazionale e che sa l'inglese meno di lei?
Cioè, va bene essere usciti dal vivaio della De Filippi, va bene che il suo pubblico probabilmente non sa nemmeno che esistono lingue diverse dall'italiano e non parla correttamente nemmeno quello, ma si tratta di un evento internazionale e almeno un interprete serio potrebbero pagarglielo.

Ma "to want is to can", quindi l'intervistatore se vuole veramente capire quello che gli stanno dicendo questi due disadattati può riuscirci da solo.



Può interessarti anche: